Decarbonizzazione, l’Ue la finanzia con 122 milioni (per 47 progetti)

decarbonizzazione UE

La decarbonizzazione diventa un obiettivo concreto da raggiungere per l’Unione Europea. Al via 47 progetti finanziati dal Fondo per l’innovazione alla decarbonizzazione europea. I combustibili fossili dovranno essere eliminati. I Paesi devono trovare nuovi modi per fornire energia pulita ai cittadini, in particolare attraverso l’idrogeno e l’energia elettrica.

Come sono i progetti sulla decarbonizzazione?

I progetti presentati dai diversi Stati dell’Unione Europea, tra i quali tre appartengono anche all’Italia, sono vari, tra di essi troviamo batterie antigelo per i battelli elettrici, turbine eoliche molto leggere che funzionano anche ad alta quota, collettori di corrente catodica a bassa impronta di CO2, una centrale elettrica virtuale con 800 stazioni di ricarica, pannelli solari conformabili che forniscono il 35% di energia in più, e tanti altri.

Con gli investimenti di oggi – ha dichiarato Frans Timmermans, Vicepresidente esecutivo della Commissione europeal’UE fornisce un sostegno concreto a progetti nel settore delle tecnologie pulite in tutta Europa per espandere le soluzioni tecnologiche in grado di contribuire al raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050. L’aumento del Fondo per l’innovazione proposto nel pacchetto “Pronti per il 55%” consentirà all’UE di sostenere un numero ancora maggiore di progetti in futuro, di accelerarne lo sviluppo e di farli arrivare sul mercato il più rapidamente possibile“.

L’Unione Europea si impegna concretamente per raggiungere il risultato prefissato di impatto climatico zero entro il 2050. I progetti selezionati sono stati valutati accuratamente da esperti del settore non solo sulla base del loro impatto climatico, ma anche sulla velocità di realizzazione. Dovevano essere maturi a sufficienza per essere messi in opera nell’immediato futuro nonché avere un buon potenziale di scalabilità. 32 sono i progetti di decarbonizzazione che rispondono a questi requisiti, altri 15 invece beneficiano di un’assistenza in fase di sviluppo.

I 3 progetti italiani

I progetti italiani di decarbonizzazione finanziati rientrano tra i 32 che verranno messi in opera in tempi brevi. Sono: DrossOne V2G Parking, PIONEER e H2 Valcamonica. Vediamoli nel dettaglio.

H2 Valcamonica produrrà energia per il settore della mobilità e industria.  È coordinato da A2A, Snam, FNM e sfrutta il processo di elettrolisi per immagazzinare idrogeno.

PIONEER ha alle spalle Aeroporti di Roma, Fraunhofer ISE ed Enel X. Fornirà l’energia serale di un aeroporto tramite batterie di seconda vita. Queste saranno collegate ad un impianto fotovoltaico e si calcola che forniscano anche flessibilità.

Infine, l’ultimo è DrossOne V2G Parking, EPS E-Mobility creerà un nuovo sistema Vehicle-to-Grid (V2G), con il 100% di emissioni di gas serra in meno.

Tutti i progetti selezionati avranno a disposizione 4 anni per essere realizzati, al termine dei quali scadrà la copertura finanziaria dell’UE.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Potrebbe piacerti
Cerca su Elon