Crunchyroll passa nelle mani di Sony

Di Redazione

Sony Corp ha finalmente concluso l’accordo con cui acquista ufficialmente la piattaforma streaming Crunchyroll da AT&T per la “modica” somma di 1.175 miliardi di dollari.

La piattaforma di streaming di Anime conta ad oggi tre milioni di abbonati paganti, distribuiti in oltre 200 Paesi. Tutti questi abbonati di certo gioveranno a Sony nella competizione contro tutti i maggiori competitori nel settore dell’intrattenimento.

Come mai, nonostante questi numeri molto positivi, AT&T ha deciso di vendere?
Crunchyroll era considerato un servizio ancora di nicchia e non rispecchiava quindi i piani di espansione che invece AT&T aveva in mente.
Un altro motivo è il tentativo di risanare l’esorbitante debito di $150 miliardi, di cui $86 miliardi sono serviti per acquistare Warner.
In particolare questo tentativo è iniziato quando John Stankey è diventato il CEO dell’azienda.
AT&T ha quindi iniziato a vendere asset guadagnando miliardi e miliardi di dollari.

Al momento uno dei dubbi più diffusi fra gli utenti è il destino che attenderà i prodotti attualmente fruibili tramite l’abbonamento a Crunchyroll.  Ma a tal proposito ancora non si hanno chiarimenti, perciò si può solo aspettare eventuali sviluppi.

AT&T è molto propensa a completare velocemente la trattativa, ma la data definitiva non è stata ancora stabilita. Il ricavato infatti potrebbe essere usato da AT&T per comprare altri asset di WarnerMedia.

Potrebbe interessarti: I migliori film tratti da videogiochi

Sappiamo che Sony non è nuova a investimenti del genere. Un precedente si ha in Funimation, sviluppata in collaborazione tra Sony Pictures Entertainment e Aniplex di Sony Music Entertainment (Giappone), anch’essa impegnata nella diffusione di anime, soprattutto in America. Sony ha poi rilevato completamente Funimation per $143 milioni.

Secondo l’opinione di Atsushi Osanai, docente alla Waseda Business School, la trattativa è molto vantaggiosa per Sony. Acquisendo Crunchyroll, infatti, sarebbe più facile diffondere anche le produzioni musicali di casa Sony usandole come colonne sonore dei nuovi anime.

Tag >
Facebook
Twitter
LinkedIn