Agroforestazione, pecore e vigneti in armonia

Di Redazione

I proprietari dell’azienda vitivinicola Bellenda di Vittorio Veneto (Treviso) in collaborazione con Riccardo De Prà, chef del ristorante Dolada e proprietario di un’azienda agricola, hanno avviato un progetto molto interessante di agroforestazione.

Questo progetto si basa su pratiche antichissime che sfruttano lo stretto legame tra la coltivazione, in questo caso dei vigneti destinati alla produzione del prosecco tipico della zona, e l’allevamento degli animali. Il tutto si rifà all’agricoltura di sussistenza ampiamente praticata in passato, che mirava a trovare un equilibrio tra gli aspetti antropici e quelli naturali.

Le pecore allevate nell’azienda agricola di Riccardo De Prà pascoleranno nei vigneti di proprietà della Bellenda, diretta da Umberto Cosmo; in questo modo le pecore avranno sempre erba verde e fresca da brucare mentre i vigneti verranno tenuti puliti e concimati grazie ai loro escrementi. Così migliorerà sia la qualità che la quantità di sostanze organiche presenti nel terreno, e di conseguenza anche la sua fertilità.         

L’azienda Bellenda è da sempre attenta all’ecosistema montano e ai boschi. Gli alberi che li formano, infatti, influenzano il microclima del luogo e permettono la vita a svariati tipi di esseri viventi. Le piantagioni di ulivi e viti, oltre a produrre eccezionali risorse per l’uomo, creano anche svariati habitat per insetti che portano grandi benefici alle piante, salvaguardandole dagli attacchi dei parassiti. In tal modo l’ecosistema è del tutto autonomo ed autosufficiente, non necessita quindi di nessun intervento esterno per sopravvivere.

I boschi poi hanno funzione di protezione e sostentamento per tantissimi tipi di animali e forniscono anch’essi grandissimi vantaggi. Le pecore, pascolando all’aperto per tanto tempo e brucando sempre erba fresca ed incontaminata, ne giovano moltissimo sia per la salute sia producendo latte e lana della più pregiata qualità. Un perfetto connubio quindi tra l’agricoltura e l’allevamento, che del resto è ciò a cui puntano gli ideatori del progetto di agroforestazione.

Facebook
Twitter
LinkedIn