Finestre fotovoltaiche: come produrre energia con vetri trasparenti

Di Giuseppe Izzo

Nel prossimo futuro sia i grandi edifici sia le piccole abitazioni sono chiamati a produrre autonomamente la propria energia. Un traguardo possibile anche grazie a innovative finestre fotovoltaiche capaci di convertire la luce solare in energia green.

Numerose università e ricercatori stanno lavorando per sviluppare un nuovo tipo di tecnologia destinato a rivoluzionare il mondo dell’energia sostenibile. Stiamo parlando dei vetri fotovoltaici che, oltre a far trasparire la luce nelle nostre case, potranno produrre anche energia elettrica in autonomia. L’efficienza delle nuove finestre fotovoltaiche, inoltre, consentirà di sfruttare il surplus energetico prodotto.

Leggi anche: Quali sono i migliori rivestimenti per la casa?

In che modo lavoreranno le finestre fotovoltaiche?

Partendo dalla struttura e dal funzionamento di un pannello solare fotovoltaico, si può notare come serva un fondo scuro per trattenere la luce e generare energia elettrica. Nel caso delle finestre, tuttavia, la luce filtrerebbe del tutto. Per risolvere questo problema i ricercatori hanno pensato ad un concentratore solare luminescente trasparente.

La tecnologia consiste in una sorta di pellicola realizzata a partire da sali organici, che riescono ad assorbire anche lunghezze d’onda di luce ultravioletta e infrarossa. Attraverso delle celle solari molto piccole, poste ai bordi delle finestre, la luce trattenuta viene convertita in elettricità.

Il limite delle finestre fotovoltaiche è quello dell’efficienza, ad oggi arrivata al 6,8%. Anche in questo caso, la ricerca e lo sviluppo stanno facendo passi da gigante e in poco tempo anche questo ostacolo dovrebbe essere superato.

Quali sono i Paesi più avanti nella ricerca?

I Paesi più attivi nella ricerca sono l’Olanda, gli Usa con il MIT e la Michigan State University, e la Corea del Sud con la Incheon University. Per quanto riguarda l‘Italia, invece, il progetto più sviluppato e interessante è il Glass To Power ideato dall’Università Bicocca di Milano.

Secondo le stime di mercato e applicabilità effettuate da ricercatori americani, si stima che questo nuovo tipo di tecnologia possa soddisfare il 40% del fabbisogno energetico annuale degli Stati Uniti. C’è da considerare, inoltre, la possibilità di integrare le finestre fotovoltaiche con i classici pannelli solari. In questo modo, almeno in teoria, l’intera richiesta energetica degli Usa potrebbe essere coperta.

Uno dei primi edifici a sperimentare le finestre fotovoltaiche si trova in Olanda e ospita la sede di una banca locale. Inoltre, sempre in Olanda, ci sarà presto un intero complesso residenziale che ne sarà munito.

Per quali altri scopi si potrebbero usare i vetri fotovoltaici?

Le possibilità di utilizzo sono innumerevoli. Si passa dall’utilizzo per alimentare piccoli elettrodomestici, o apparecchiature che richiedono poca energia per il funzionamento, agli schermi di smartphone e tablet.

Le celle solari semitrasparenti, poi, verranno presto sfruttate anche per realizzare delle tende. Allo stesso modo, si penso di costruire serre ed impianti agricoli che utilizzino queste tecnologie su una scala più grande. È bene precisare che i vegetali coltivati in questo modo sono del tutto simili a quelli coltivati in serre trasparenti, nonostante ricevano lunghezze d’onda di luce differenti.

Facebook
Twitter
LinkedIn