“Project Iris”, il nuovo visore per la realtà aumentata di Google

google logo sfumato

Dopo l’esperienza non prettamente positiva dei Google Glass, secondo le ultime indiscrezioni pubblicate dalla testata americana The Verge, il colosso dei motori di ricerca Google starebbe lavorando a un nuovo visore per la realtà aumentata, soprannominato “Project Iris”, che dovrebbe essere disponibile a partire dal 2024.

Il dispositivo sarebbe fornito da fotocamere rivolte verso l’esterno in grado di creare nell’utente un’esperienza molto più immersiva rispetto agli occhiali per la realtà aumentata presenti attualmente sul mercato.

Secondo le fonti di The Verge, il processore del visore, derivato dal Tensor degli smartphone Pixel, utilizzerebbe la potenza di calcolo dei cloud computing per contenere i consumi energetici del dispositivo: attraverso una connessione a internet, infatti, si potranno caricare da remoto alcuni render grafici per non appesantire il device.

Il sistema operativo dovrebbe essere Android anche se Google sta valutando la possibilità di sviluppare una piattaforma software specifica.

I primi prototipi, secondo fonti anonime, sono stati già sviluppati e assomigliano nel design a una maschera da sci.

Il progetto, i cui lavori si starebbero svolgendo in un edificio separato nella Bay Area, coinvolgerebbe circa 300 persone e avrebbe come capo Clay Bavor, manager alla guida del sistema di telepresenza “Project Starline”, affiancato da Shahram Izadi (manager di ARcore), Eddie Chung, Scott Huffman (creatore di Google Assistant) e Mark Lucovsky.

Google si prepara nuovamente a concorrere con i suoi maggiori competitor (Meta, Microsoft ed Apple) nel campo della realtà aumentata e virtuale. Ad oggi, tuttavia, non è stata ancora definita una “strategia go-to-market” e non è chiaro se il dispositivo verrà venduto come prodotto del brand Pixel.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Potrebbe piacerti
Cerca su Elon