Bangkok, l’agricoltura biologica in terrazza

Di Giacomo Casarin

La premessa è questa: un’urbanizzazione selvaggia è in grado di causare scarsità di cibo e acqua alla popolazione che abita le città. La civiltà umana, infatti, ha bisogno di superfici verdi che non solo diano priorità alla coltura di materie prime alimentari ma anche producano cibo in modo efficiente e sostenibile.

Tetto verde

Bangkok è una delle tante città del sud-est asiatico che un tempo rappresentavano un habitat ideale per numerose società agricole e che oggi sono vittima di un’urbanizzazione non regolamentata.

Per questo motivo la Thammasat University ha proposto una soluzione climatica resiliente con la realizzazione della più grande copertura verde adibita ad agricoltura biologica dell’Asia. Si chiama Turf (Thammasat university rooftop farm) e ha riutilizzato più di 20 mila metri quadrati di spazio sul tetto dell’edificio universitario.

Progetto terrazza biologica Bangkok

Sembra un tipico terrazzamento per coltivare il riso, ma in realtà Turf coniuga una produzione alimentare sostenibile con l’energia rinnovabile, il riciclo di rifiuti organici e una gestione intelligente dell’acqua, senza dimenticare gli spazi lussureggianti aperti al pubblico.
La fusione tra il tradizionale aspetto a terrazze e la moderna tecnologia del tetto verde rende la copertura in grado di assorbire, filtrare e rallentare il deflusso dell’acqua con un’efficienza 20 volte maggiore rispetto ai tetti di cemento convenzionali.

Modello di sostenibilità

Mentre Turf coltiva cibo per nutrire il campus universitario, l’acqua piovana serpeggia lungo il pendio verde fino a quattro grandi bacini che hanno il compito di immagazzinare le piogge più abbondanti, in vista di un futuro utilizzo.

Progetto terrazza agricola Bangkok

Tra i lotti coltivati dell’architettura terrazzata, il progettista Landprocess ha incastonato spazi pubblici multifunzionali, comprendenti un grande anfiteatro con vista panoramica su Bangkok, oltre a una serie di pannelli solari che consentono di produrre fino a 500 mila watt all’ora per irrigare i campi agricoli-urbani e alimentare l’edificio sottostante.

In conclusione, il progetto Turf rappresenta un modello di sostenibilità, ma anche una soluzione realistica in grado di avvicinare gli abitanti delle città alle pratiche agricole, con l’obiettivo di fronteggiare la sfida climatica e costruire città verdi per le generazioni a venire.

LA SCHEDA

Progetto: Turf – Thammasat university rooftop farm
Luogo: Tambon Khlong Nung, Bangkok, Thailandia
Progettista: Landprocess
Destinazione: copertura verde adibita ad agricoltura biologica
Area di progetto: 22 000 mq
Fine lavori: 2020

Facebook
Twitter
LinkedIn