A che punto siamo con Virgin Hyperloop?

Hyperloop train

Virgin Hyperloop ha diffuso tramite l’account Twitter del suo cofondatore Josh Giegel il futuro dei propri viaggi. Treni a forma di capsule in grado di correre a mille km orari grazie alla levitazione magnetica e alla quasi totale assenza di attrito. Il video di presentazione diffuso sul social network dall’uccellino blu ha già fatto il giro del mondo, ma in tanti si chiedono quando tutto questo sarà possibile.

Entro il 2030 prime tratte negli Stati Uniti per Virgin Hyperloop

Un esempio della super-velocità di Virgin Hyperloop? La tratta Milano-Malpensa sarà coperta in appena 30 minuti. A dirlo il ceo Jay Walder, circa un anno fa. Tuttavia, riguardo alle trattative tra l’azienda e l’Europa ancora non è stato reso noto nulla di ufficiale.

L’8 novembre 2020 è stato effettuato il primo viaggio di prova con due passeggeri – Josh Giegel (CTO di Virgin) e Sara Luchian (co-fondatrice di Virgin) – a bordo del vagone chiamato “Pegasus”. Il percorso non era lungo, solo 500 metri in Nevada, seguendo un percorso privato nel deserto. Il risultato è stato entusiasmante: 500 metri con una velocità massima di 172 km/h in appena 15 secondi.

Il treno punta ad arrivare a una velocità simile a quella degli aerei

Lo scopo di Virgin Hyperloop è arrivare a un mezzo di trasporto a misura d’uomo e dalla velocità simile a quello di un normale volo di linea, ma che generi minore inquinamento. Infatti, la super capsula è alimentata da pannelli solari, i quali forniscono più energia di quanta ne occorra per muoversi. Le capsule che trasportano i passeggeri si muovono all’interno di un tubo a bassa pressione, poggiando su un cuscinetto d’aria privo di attrito.

Le capsule riescono a staccarsi l’una dall’altra per raggiungere destinazioni diverse in base alla meta di destinazione dei passeggeri. E se molti osservatori sono critici riguardo la reale fattibilità del progetto – sia per i costi della tecnologia sulla quale viaggerà il treno sia sull’effettiva possibilità che sia possibile viaggiare a quella velocità senza alcun effetto collaterale – gli Stati Uniti sono molto fiduciosi.

Ad agosto, infatti, il Senato Americano ha approvato un finanziamento di ben 1,2 trilioni di dollari per la realizzazione del Virgin Hyperloop. Un finanziamento di questo livello potrebbe portare il treno velocemente nel nostro prossimo futuro.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Potrebbe piacerti
Cerca su Elon