Feat Food, la startup che cucina con l’intelligenza artificiale

pasto

Un delivery che calcola le calorie giornaliere di cui hai bisogno. È questa l’idea dietro alla start-up Feat Food nata a Lecce e trasferitasi a Milano dove consegna a domicilio pasti sani e bilanciati grazie all’intelligenza artificiale. Già, perché dopo l’inserimento dei propri parametri nel pannello utente della piattaforma (come sesso, peso, altezza, età, stile di vita), entrano in gioco gli algoritmi di machine learning per definire le quote di calorie giornaliere e i macronutrienti necessari per il raggiungimento di un determinato peso-forma.

L’obiettivo può essere il mantenimento del peso, il dimagrimento oppure l’aumento della massa muscolare. Tutto è possibile, grazie alla tecnologia proprietaria di Feat Food, che a Milano ha un laboratorio di produzione (e uno in costruzione), dove oggi lavorano 9 persone, con una capacità di 800 pasti al giorno che possono essere consegnati in tutta Italia entro 48 ore.

I cuochi “colleghi” dell’intelligenza artificiale di Feat Food

Dall’intelligenza artificiale alla cucina

Come avrete capito, non si possono ottenere obiettivi di forma con un solo ordine. Per questo motivo Feat Food propone due tipi di servizio, lo shop e l’abbonamento. Il primo è pensato per ordini una tantum, dove l’utente compone in autonomia la sua box salutare che desidera ricevere a casa. Mentre è nella seconda tipologia che entra in gioco l’intelligenza artificiale.

Tramite l’abbonamento, l’utente deve fornire al software una serie di dati che comprendono le caratteristiche fisiche, il peso-forma desiderato, il numero di pasti al giorno che vuole consumare, i giorni della settimana che intende coprire e il tempo di durata della dieta. Il sistema è altamente personalizzabile: dà la possibilità di scegliere i singoli ingredienti, oppure di acquistare le combinazioni già proposte da Feat Food.

intelligenza-artificiale-cucina
La schermata di Feat Food dove aggiungere le proprie caratteristiche fisiche

Ora tocca all’intelligenza artificiale. Il suo lavoro consiste nell’elaborare il piano alimentare partendo dai dati inseriti dall’utente. Il software di Feat Food, in pochi secondi, calcola l’apporto calorico giornaliero e i macronutrienti, scomponendoli nei diversi pasti che l’utente ha acquistato. Tutte le informazioni – inclusa l’esatta grammatura di ogni ingrediente per ogni pasto – sono riassunte in un documento che viene inviato alla cucina.

Dalla cucina alla tavola

L’intelligenza artificiale non solo è capace di calcolare le calorie, ma è anche in grado di organizzare in modo ottimale la preparazione dei pasti, tenendo conto dei Cap di spedizione di ogni ordine, delle tempistiche necessarie per la consegna e della capacità produttiva.

Il calcolo delle calorie elaborato dall’intelligenza artificiale

Il lavoro dell’Ai finisce qui ed entra in scena la brigata dei cuochi (così si chiama!) che prepara i pasti utilizzando i metodi di cottura più salutari, come quello a bassa temperatura, che consentono di ridurre l’utilizzo di grassi e di mantenere inalterate le caratteristiche nutrizionali degli ingredienti.

Un’ultima informazione: tutti i pasti vengono conservati in atmosfera modificata che consente la conservazione degli alimenti per 10 giorni. Ad oggi, infatti, Feat Food si occupa della consegna in tutta Italia: il 20% degli ordini avviene a Milano e provincia, seguiti da Roma (7%), Torino (3%) e altre città italiane come Brescia, Bologna, Firenze, Bari, Napoli, Palermo.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Potrebbe piacerti
Cerca su Elon