Xiaomi e HyperCharge, da 0 a 100 in 8 minuti

hypercharge-xiaomi

Xiaomi continua inesorabilmente ad avanzare verso il progresso. Il colosso cinese del mondo tech ha da poco annunciato una nuova tecnologia in grado di ricaricare completamente uno smartphone in soli 8 minuti.

L’autonomia della batteria e la resistenza dei dispositivi che usiamo quotidianamente sono due degli aspetti a cui poniamo più attenzione durante l’acquisto. I tempi di ricarica abbastanza lunghi, ad esempio, sono da sempre uno dei limiti degli smartphone.
Nonostante gli sviluppatori siano riusciti a ridurli significativamente, c’è bisogno ancora di un po’ di tempo per ricaricare completamente la batteria. La competizione fra le varie aziende produttrici di device tech è senza esclusione di colpi e fa passi da gigante ogni giorno.

Il sistema HyperCharge di Xiaomi

Una delle aziende ad avere il più grande potenziale e mezzi necessari per fare per portare avanti tecnologie sempre più all’avanguardia è sicuramente Xiaomi, che sta ottenendo dei risultati incredibili. Gli ultimi test, infatti, hanno registrato velocità di ricarica da record, sia per quanto riguarda la ricarica con cavo sia per quella wireless. Il miglior tempo registrato, per una ricarica completa della batteria, è di soli 8 minuti.

Già negli scorsi anni Xiaomi ha presentato e portato sul mercato tecnologie sempre più sviluppate, soprattutto riguardo la ricarica dei propri device.
Solo nell’ottobre dello scorso anno, infatti, era stata annunciata la possibilità di ricaricare completamente il proprio smartphone senza fili, a circa 80W, in circa 19 minuti.

Xiaomi HyperCharge

Con l’ultima demo annunciata, Xiaomi ha presentato una versione riadattata del Mi 11 Pro.
La particolarità dello smartphone stava nella capacità di ricaricarsi a 200 W, attraverso un apposito cavo, il tutto in soli 8 minuti. Per quanto riguarda la ricarica wireless, invece, può essere effettuata a 120W in circa 15 minuti. Questo tipo di tecnologia, chiamata HyperCharge, è attualmente la più veloce al mondo.

Come già detto, la concorrenza nel settore tech è in costante aumento e molto agguerrita.
Tra le aziende più impegnate nello sviluppare sistemi di ricarica sempre più rapidi abbiamo Oppo, con il suo VOOC; OnePlus e la Dash Charge; Realme con la tecnologia Dart.
Lo “svantaggio” di questi sistemi di ricarica così avanzati sta nella necessità di cavi proprietari e caricatori. A causa di questo aspetto è molto probabile che, almeno agli inizi, saranno utilizzati principalmente nelle abitazioni e negli uffici.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Potrebbe piacerti