Glamping, il nuovo modo (glamour) di fare campeggio

Di Redazione

Che cos’è il glamping e da dove ha origine?

Si chiama glamping ed è uno degli ultimi trend del mondo del turismo e dei viaggi a contatto con la natura. Questo tipo di campeggio permette, alle persone che non vogliono rinunciare ai comfort e ai servizi disponibili nei migliori alberghi, di immergersi a fondo nella natura dormendo in tenda, ma su un letto comodo. Insomma, un campeggio glamour: glamping (crasi, appunto, di glamour e camping).

Ci si sistema, infatti, in tende già allestite presso le strutture turistiche, molto spesso contenenti mobili artigianali. È un’esperienza adatta ad ogni stagione grazie ai sistemi di riscaldamento, che rendono godibile il soggiorno anche in pieno inverno. In questo modo ci si può rilassare in questi posti in qualsiasi periodo dell’anno.

Il glamping è nato in territori caldi come l’Australia e l’Africa e, in seguito, si è sviluppato e diffuso anche in Europa e in Italia.

In che modo il campeggio glamour è ecosostenibile?

Per la realizzazione delle strutture di glamping non viene utilizzato alcun tipo di materiale plastico per rispettare a pieno l’ambiente. Da qui la sua intrinseca ecosostenibilità

Dov’è possibile fare glamping?

I campeggi o villaggi turistici che offrono questo servizio sono sempre più numerosi in giro per il mondo. Nonostante sia un trend abbastanza recente, anche in Italia vi sono numerose strutture adibite al glamping. 

Le più grandi e rinomate sono sparse tra il Nord e il Sud della nostra penisola.
In Toscana ci si può rivolgere al “Camping Orlando” a Cavriglia, in provincia di Arezzo, per godersi un periodo di immersione tra le colline toscane.
Sempre in Toscana, più precisamente nel livornese, è situato il camping village “Le Pianacce”.  Salendo verso le Alpi troviamo il “Villaggio Barricata” di Porto Tolle, in provincia di Rovigo, che offre un servizio di lodge suite, caratteristiche per i letti a baldacchino e vasche da bagno per rilassarsi a pieno.
Se si cerca qualcosa di ancora più particolare, bisogna sicuramente dare un occhio ai “Canonici San Marco” di Mirano, vicino Venezia. È possibile usufruire, infatti, di tende simili alle yurte di origine asiatiche.
In Sardegna, invece, questo servizio è disponibile presso il “Camping Baia Blu la Tortuga” ad Aglientu. 

Anche in Europa l’offerta è abbastanza ampia e interessante. I nostri vicini croati, ad esempio, vantano il complesso “Arena One 99” di Istria, in un mix di saune, massaggi, e natura, a metà tra la montagna e il mare.
In Slovenia si può visitare il camping di Bled, situato in un villaggio volto interamente all’ecologia. Qui si può soggiornare in alloggi di legno nei pressi del lago.
In Portogallo le strutture adibite al glamping si concentrano maggiormente sulle sponde dell’Atlantico, in particolare nella regione dell’Algarve. Molto carina e particolare è l’offerta di “A Terra”, con le sue tende in pieno stile indiano.
Per gli amanti dei camper e caravan l’ideale è il Camping di “Le-Temple-sur-lot”, dove si può dormire in caravan super attrezzati.

Quali sono i costi per questo tipo di camping?

Considerando che il comfort assicurato è pari a quello delle migliori stanze d’hotel, i costi del glamping superano quelli del campeggio tradizionale. Per questa ragione, è un’esperienza destinata a coppie o famiglie disposte a spendere grosse somme di denaro. 

Facebook
Twitter
LinkedIn